Cos’è l’ Osmosi?

Per comprendere lo scopo e il processo di osmosi inversa bisogna prima comprendere il processo naturale di osmosi.

L’osmosi è un fenomeno naturale e uno dei processi più importanti della natura. È un processo in cui una soluzione salina più debole tende a migrare in una solida soluzione salina.

Di seguito è riportato un diagramma che mostra come funziona l’osmosi. Una soluzione meno concentrata avrà una naturale tendenza a migrare in una soluzione con una concentrazione più alta.

Ad esempio, se aveste un contenitore pieno d’acqua con una concentrazione di sale bassa e un altro contenitore pieno d’acqua con una concentrazione elevata di sale e sono stati separati da una membrana semi-permeabile, allora l’acqua con la concentrazione salina inferiore comincerà a migrare Verso il contenitore d’acqua con la concentrazione di sale più elevata.

Una membrana semi-permeabile è una membrana che permette di far passare alcuni atomi o molecole, ma non altri.

Un semplice esempio è il tessuto di abbigliamento Gore-tex che contiene un film plastico estremamente sottile in cui sono stati tagliati miliardi di piccoli pori. I pori sono abbastanza grandi da permettere il vapore d’acqua di attraversarlo, ma abbastanza piccoli per impedire che l’acqua liquida possa passare.

L’osmosi inversa è il processo di osmosi in senso inverso. Mentre l’osmosi si verifica naturalmente senza l’energia necessaria, per invertire il processo di osmosi è necessario applicare l’energia alla soluzione più salina.

Una membrana ad osmosi inversa è una membrana semi-permeabile che consente il passaggio di molecole d’acqua ma non la maggior parte dei sali disciolti, dei metalli pesanti, dei batteri e dei pirogeni.

Tuttavia, è necessario spingere l’acqua attraverso la membrana ad osmosi inversa applicando una pressione maggiore rispetto alla pressione osmotica naturale per disciogliere (demineralizzare o deionizzare) l’acqua nel processo, facendo passare solo l’acqua pura.

Di seguito è riportato un diagramma che illustra il processo di osmosi inversa. Quando si applica la pressione alla soluzione concentrata, le molecole d’acqua vengono forzate attraverso la membrana semi-permeabile, i contaminanti e i sali in eccesso vengono inviati ad uno scarico.

L’osmosi è un fenomeno che si verifica quando due soluzioni a diversa concentrazione, cioè due liquidi in cui sono disciolte quantità diverse di una determinata sostanza, sono separate da una membrana semipermeabile, cioè dotata di piccolissimi pori che permettono il passaggio delle molecole d’acqua, ma bloccano il passaggio delle altre sostanze presenti nella soluzione.

Il solvente (cioè l’acqua) tende a passare dalla soluzione più diluita a quella più concentrata finché non viene raggiunto un equilibrio.

Nell’uomo e in tutti gli organismi viventi l’osmosi è un fenomeno che avviene attraverso le membrane cellulari e rappresenta un importante meccanismo che consente a un organismo di regolare la quantità di acqua presente nelle cellule.

Esempi di natura di osmosi

Dopo una prolungata immersione in piscina o in mare sarà certamente capitato a tutti di osservare la pelle delle dita che si è raggrinzita. Questo si verifica poiché le cellule che costituiscono la pelle, in particolare quella delle dita, perdono acqua a causa dell’ osmosi. Gli stessi nostri reni assorbono l’acqua dal nostro sangue per osmosi.

Le radici assorbono l’acqua dal terreno per osmosi in quanto all’interno delle loro cellule si ha una soluzione più concentrata di sali. Successivamente si verifica una migrazione da cellula a cellula e l’acqua raggiunge i vasi conduttori che a loro volta la distribuiscono al resto della pianta. Vuoi seccare una pianta, metti del sale sotto.

Anche sulle melanzane si mette il sale per far uscire l’acqua amara, poi sulla carne alla brace non si deve mettere il sale a crudo se no esce tutto il sugo,  se vuoi fare un buon brodo devi mettere il sale nell’acqua così favorisci l’uscita del sugo della carne del lesso (ma ti viene un lesso secco e schifoso), viceversa se vuoi un buon lesso non mettere il sale nell’acqua, poi con l’acqua di Puroblu devi vedere che brodo…


Il fenomeno accade anche nei pesci di acqua salata ed acqua dolce.

  • I pesci che vivono in acqua salata tendono a disidratarsi. Cercano di compensare la perdita d’acqua bevendo grandi quantità d’acqua marina ed espellendo il sale attraverso le branchie, inoltre i loro reni si sono adattati per espellere pochissima acqua al corpo.
  • I pesci d’acqua dolce invece tenderebbero a gonfiarsi perché a loro accade il contrario: il mezzo in cui sono immersi è infatti meno salato del loro interno e l’acqua viene assorbita dalle cellule. Si sono adattati all’ambiente in cui vivono espellendo molta acqua attraverso i reni.

Quindi fanno più plin plin quelli che vivono in acqua dolce…

Fate un esperimento a casa:

Materiali

Sale da cucina, una patata, un cetriolo, un bicchiere, un cucchiaino, due piatti fondi di plastica, un coltello, un tagliere, acqua

Cosa fare

Versare l’acqua di rubinetto nel bicchiere e aggiungere 3 cucchiaini colmi di sale, mescola bene

Versare in un piatto l’acqua salata e nell’altro acqua di rubinetto

Tagliare la patata e il cetriolo a fette dello spessore di circa 5 mm

Mettere due fette di patata e due di cetriolo nel piatto con l’acqua salata e altrettante fette nel piatto con acqua di rubinetto

Dopo circa un quarto d’ora togliere le fette da entrambi i piatti e cerca di piegarle, per confrontarne consistenza e flessibilità

Cosa osservare

Le fette di patata e cetriolo immerse per un certo tempo in acqua salata sono più flosce, quelle immerse in acqua di rubinetto sono più rigide.

Cosa accade

L’acqua entra ed esce dalle cellule spostandosi verso il lato della membrana cellulare in cui è presente la maggior quantità di sostanze disciolte. Nel caso delle fette in acqua salata, l’acqua si sposta dalle fette alla soluzione nel piatto perché qui il sale è più concentrato che all’interno delle cellule.

E’ questa disidratazione che rende le cellule più flosce.

Il contrario avviene nell’altro piatto; in questo caso l’acqua entra nelle cellule, rendendole più turgide e rigide.

2017-06-17T13:39:33+00:00